Peggy Guggenheim e Mikuni Omura. La Fucina degli Angeli – 2

La Venice glass week e il museo Peggy Guggenheim

Non è stato facile decidere da dove cominciare il mio viaggio nella Venice Glass Week 2021, gli eventi sono moltissimi e per chi abita a Murano ogni giornata appartiene alla VeniceglassWeek.   Il vetro di Murano viene celebrato costantemente da opere più o meno famose, realizzate sia da maestri celebri, che da artigiani meno conosciuti, in ogni calle, fondamenta, negozio, fornace e vetreria dell’isola. Semplicemente il vetro fa parte della storia di Murano da Settecento anni.

Due giorni fa mi sono però imbattuta, nel giardino della collezione Peggy Guggenheim, nell’Opera 3 di Mikuni Omura.

Il giardino delle sculture di Peggy Guggenheim

Il giardino delle sculture della collezione Peggy Guggenheim è lo spazio inatteso che precede o chiude la visita alla parte interna del museo, ed è una parte integrante e fondamentale dell’itinerario nel museo. Nel corso degli anni l’esposizione di sculture nel giardino di Peggy Guggenheim si è ampliata e ha trovato una fisionomia propria: Germaine Richer, Arnaldo Pomodoro, Alberto Giacometti, Alexander Calder, Max Ernst, questi sono solo alcuni dei nomi che non vogliono essere esaustivi, la collezione di sculture di Peggy Guggenheim è di grande interesse, esattamente come la sua collezione di dipinti e opere a tecnica mista.

Quello con Opera 3 di Mikuni Omura è un incontro gradevolissimo nel giardino delle sculture di Peggy Guggenheim a Venezia, l’opera è posta in un angolo in mezzo alle felci e agli arbusti ed è un angolo molto speciale, perché è quello dove riposa Peggy Guggenheim.

Questa opera di Mikuni Omara fu creata da La Fucina degli Angeli di Egidio Costantini. Mikuni Omura, architetto e artista giapponese era anche il genero di Egidio Costantini, avendo sposato Maddalena, la più giovane delle sue figlie.

In occasione della VeniceGlassweek 2021 l’opera di questo artista poco conosciuto in Italia, che appartenne a Peggy Guggenheim, è ritornata nella sua casa veneziana, ma solo per un breve periodo, visto che oggi si trova in proprietà privata.

La 42° Mostra di sculture della Fucina degli Angeli e Itinerari giapponesi

Il legame di Egidio Costantini con l’Oriente si mostrerà in più occasioni,  nel 1972 era stata inaugurata la Quarantaduesima Mostra di sculture della Fucina degli Angeli alla presenza del Sindaco Giorgio Longo e l’ambasciatore di Tokio a Roma.              

 I nomi degli artisti che esposero sono di  rilievo internazionale, tra gli altri vi si trovavano Tomio Miki e Nobuo Sekine, il secondo recentemente scomparso, ma che abbiamo potuto ammirare poco tempo fa a Venezia a Proportio, una delle ultime grande mostre del museo Fortuny del 2015 dedicata alle proprozioni e alla rappresentazione del corpo nell’arte, sia classica che contemporanea, curata da Daniela Ferretti e Axel Vervoodt (qui il link al museo – chiuso dal 2019). Sempre a Venezia Nobuo Sekine è stato presente a Prima Materia, l’esposizione della Fondazione Pinault a Punta della Dogana nel 2013, ma l’elenco delle sue partecipazioni sarebbe molto lungo. Nella mostra del 1972  erano inoltre presenti Tadanori Yokoo, ItoTakamichi, con le sue canne di vetro, Ushio Shinohara, Narita Katsuhiko e Tomio Miki, lo scultore che era stato tra i protagonisti del Padiglione Giapponese alla 34ma Biennale di Venezia del 1968.

34 Biennale di Venezia – Padiglione del Giappone

Opera 3 è una delicata struttura di vetro, acciaio, basalto e ottone realizzata attorno agli anni 1968-’69,  Peggy Guggenheim si fece fotografare nel 1970 accanto all’opera, presumibilmente nella stessa posizione in cui è stata posta in esposizione temporanea.

Opera 3 – Mikuni Omura

Se le opere degli artisti giapponesi realizzate da Egidio Costantini ebbero fortuna in Italia, a sua volta le opere di Egidio Costantini furono acquistate dalla regione di Kanazawa in Giappone e sono tuttora esposte nel Notojima Glass Art Museum, che fu realizzato per ospitare gli antichi vetri di fattura cinese e i nuovi vetri realizzati da Egidio.

L’opera rimarrà esposta nel museo Peggy Guggenheim a Venezia fino al 12 settembre per la Venice Glass Week. A Peggy probabilmente sarebbe piaciuto riaverla nel suo giardino.

Se avete voglia di scoprire la collezione Guggenheim assieme a me ecco il link.

Se invece volete saperne di più sugli eventi della Venice Glass Week continuate a seguirmi.

Fiorella Pagotto

www.veniceartguide.it

Iscrivetevi alla newsletter per restare aggiornati sui nuovi post.

Lascia un commento