Paolo Uccello, San Giorgio e il drago

L’ospite a Palazzo della Galleria Cini

Da qualche anno la Galleria Cini di Venezia espone ogni anno, durante la stagione di apertura, dalla primavera all’autunno, un quadro proveniente da un’altra sede museale

L’iniziativa si chiama ‘’L’ospite a palazzo’ e non si tratta mai di ‘ospiti’ banali.     

 Nel 2014 trovò spazio L’adorazione dei pastori di Lorenzo Lotto, nel 2015 fu la volta della Madonna di Pontassieve del Beato Angelico, contemporaneamente, all’ultimo piano si trovavano esposti due Ritratti di Daniele Barbaro di Tiziano e di Veronese prestati dal museo del Prado e dal Rijksmuseum per il Cinquecentenario dell’umanista veneziano. I quadri furono accompagnati da una serie di interessanti conferenze, nel 2016 fu invece temporaneamente visibile Il San Marco di Andrea Mantegna.

San Marco - Andrea Mantegna
Andrea Mantegna

Quest’anno è esposta, ancora per pochi giorni, una piccola, ma preziosa tavola dipinta da Paolo Uccello con San Giorgio e il drago proveniente dal museo Jacquemart – André di Parigi.

Il dipinto è una delle due versioni dello stesso tema dipinte dal pittore. L’altra tavola, rappresentante San Giorgio e il drago, di dimensioni simili, è conservata alla National Gallery di Londra ed è singolarmente suggestiva. Attualmente la critica tende ad attribuirle a due periodi diversi con una differenza di circa vent’anni di tra di loro.

La Battaglia di San Romano

Chi non si è mai innamorato di Paolo di Dono?

Paolo di Dono, detto Paolo Uccello nacque attorno al 1397 a Firenze, fu celebrato dalle fonti come virtuoso di prospettiva e inserito dal Vasari tra i padri del Rinascimento assieme a Filippo Brunelleschi, Donatello, Lorenzo Ghiberti e Masaccio. Attorno al secondo decennio del Quattrocento si iscrisse all’arte dei pittori di San Luca a Firenze a fu poi a Venezia per un breve periodo.

Se lo avete incontrato durante vostri studi sul Rinascimento ve ne siete probabilmente innamorati, avete studiato e cercato le sue opere a Firenze e altrove e siete in buona compagnia.

Monumento a Giovanni Acuto – Paolo Uccello

A Santa Maria del Fiore a Firenze vi siete forse posizionati sotto il dipinto di Giovanni Acuto soffermandovi sulla singolare prospettiva  dell’opera. La prospettiva frontale del cavaliere è infatti diversa da quella del piedistallo su cui si trova, che invece è visto dal basso per cui il cavallo, il cavaliere e il piedistallo sembrano precipitarvi addosso. Come ne La battaglia di San Romano degli Uffizi dove la pittura è nitida e colorata, la selva delle spade scandisce lo spazio a sinistra del dipinto, mentre sullo sfondo si svolgono episodi minori.

Paolo Uccello – San Giorgio e il drago

Paolo Uccello a Venezia

Attorno al 1425 Paolo Uccello fu a Venezia. Cosa lasciò in città e in particolare nella basilica di San Marco? Cosa gli viene attribuito?

Non è facile rispondere e ci sono poche certezze.

Qualche anno fa mi fu chiesto di accompagnare in città uno scrittore che stava scrivendo un libro su Paolo Uccello. Mi aspettavo di incontrare uno storico dell’arte, con mia grande sorpresa mi trovai davanti ad un brillante architetto a capo di uno studio internazionale di architettura, con una laurea sia in architettura che in storia dell’arte, capace di costruire architetture veramente belle che paiono nascere dalla luce.

Cercai di contribuire al suo progetto fornendo informazioni sulla possibile logistica di un uomo del Quattrocento a Venezia (come si sarebbe spostato, come avrebbe viaggiato, quale era la situazione a Venezia in quel momento), dove avrebbe probabilmente vissuto un artista attivo in basilica. Mostrai le opere cittadine sulla cui attribuzione si dibatteva suggerendo alcuni saggi di storici locali. Spero di essergli stata utile.

La Galleria di Palazzo Cini

Nel 1981 Yana Alliata di Monreale lasciò una parte della collezione del padre alla Fondazione Cini, voluta proprio padre Vittorio Cini, nacque così questo piccolo museo atipico nel panorama veneziano. Esso conserva inalterato il fascino della galleria-casa secondo l’allestimento voluto da Federico Zeri che lo curò fino all’inaugurazione avvenuta nel 1984.

All’ingresso vi accoglia una copia dello Spiritello o Putto di Andrea del Verrocchio, in passato creduta anche del maestro, ed è questo spiritello sorridente che idealmente vi accompagna nella visita.

Il museo espone quadri toscani dal XIII al XVI secolo, sculture e oggetti d’arte, assieme ad un piccolo nucleo di opere ferraresi. Il secondo piano è dedicato alle mostre temporanee, sempre garbate e originali nelle loro tematiche dedicate all’arte contemporanea.

La tavoletta di Paolo Uccello sembra trovare un luogo privilegiato d’esposizione nel contesto del Palazzo Cini. Vi si racconta la storia della principessa  Silene destinata a placare il drago e di San Giorgio che lo ha appena trafitto, il drago è ritto su due zampe come se danzasse invece di morire, la principessa immobile vista lateralmente assiste alla scena irreale da fiaba.

La galleria Cini è attualmente aperta dal venerdì a domenica.

Questo è il mio link per la visita

Questo è link della galleria Cini

Non so quando uscirà il libro su Paolo Uccello. Credo che sarà libro scritto con un taglio diverso, dove il pittore viene visto anche come un termine di paragone per l’architettura.

Fiorella Pagotto

www.veniceartguide.it